Carne

Carne artificiale

La carne in vitro è un prodotto che non ha mai fatto parte di un organismo vivente a tutti gli effetti. I progetti di ricerca moderni stanno lavorando alla creazione di campioni sperimentali di carne nel prossimo futuro per stabilire la sua produzione industriale. In futuro, la creazione di un tessuto muscolare coltivato a pieno titolo che risolverà il lato etico del problema e fornirà cibo per le regioni bisognose. La carne risultante non può essere considerata vegetariana, poiché viene coltivata sulla base di proteine ​​animali e non vegetali (soia / grano).

Ora la coltivazione della carne è costosa. In futuro, quando la tecnologia sarà dominata dalle preoccupazioni alimentari, il costo del prodotto non supererà il prezzo del normale pollo.

Cosa devi sapere sul prodotto del futuro, in che cosa differisce dalla carne ordinaria e in quale fase sono le ricerche moderne?

Come è iniziato tutto

La produzione industriale di carne non riguarda solo problemi etici, ma anche ambientali. Inoltre, trovare un prodotto di carne di qualità sugli scaffali è un compito molto difficile. I produttori spesso usano antibiotici e ormoni nella produzione, il che mette in dubbio i benefici e la sicurezza del prodotto finito. La manutenzione del bestiame e la produzione industriale di prodotti a base di carne influenzano la produzione di gas a effetto serra, il consumo di acqua dolce, la distribuzione razionale dei territori - e questo non è un elenco definitivo.

I pascoli e i campi da foraggio per il bestiame industriale occupano il 30% della terra utile dell'intero pianeta, mentre i giardini / frutteti / focolari e i campi occupano solo il 4-5%.

Dovremo risolvere i problemi globali con l'ecologia e la qualità della carne nei prossimi anni. Oggi ci sono solo 2 modi: creare carne a base di verdure (piselli / soia / grano) o proteine ​​animali.

Una delle soluzioni eccellenti al problema è stata trovata dalla società americana Beyond Meat. Sono stati i primi a produrre cotolette di proteine ​​vegetali che sono uguali in gusto e valore nutrizionale alla carne naturale. Le cotolette sono anche "grigliate" durante la frittura e hanno un sapore assolutamente identico a manzo / pollo / maiale. L'unica avvertenza: le cotolette hanno un odore vegetale riconoscibile.

La moderna industria alimentare è più interessata alle carni di proteine ​​animali. Poiché l'ingrediente a base vegetale è considerato "imitazione della carne", e il prodotto coltivato in vitro sarà assolutamente identico al taglio biologico della carne.

Tecnologia del prodotto

La carne è il tessuto muscolare dell'animale. Per creare un prodotto in vitro, è necessario ottenere le cellule muscolari stesse dell'animale. Affinché queste cellule crescano in un taglio ampio e succoso, sono necessarie proteine. Le cellule animali vengono estratte una sola volta, in futuro non saranno necessarie: avverrà la sintesi di materiale esistente.

La moderna base tecnologica offre solo 2 opzioni per lo sviluppo della carne in vitro:

  • la formazione di un insieme di cellule muscolari che non sono inizialmente collegate tra loro;
  • la formazione di un'intera struttura di muscoli che sono già collegati e hanno una certa relazione.

Il secondo metodo è molto più complicato del primo. Perché? I muscoli di qualsiasi organismo vivente sono composti da fibre muscolari: si tratta di cellule lunghe all'interno delle quali sono concentrati diversi nuclei. Queste cellule non possono dividersi da sole. Le fibre muscolari si formano solo quando le cellule progenitrici si fondono l'una con l'altra per formare una nuova struttura. Possono connettersi sia le cellule satellite che le cellule staminali embrionali. In teoria, queste cellule possono essere collocate in un contenitore speciale, mescolarle e creare una nuova unità strutturale, ma ciò è possibile solo in teoria. Affinché un muscolo cresca, è necessario calcolare la sua posizione, l'afflusso di sangue, la produzione di ossigeno, lo smaltimento dei rifiuti e altre sfumature. Inoltre, per il normale sviluppo del tessuto muscolare, dovranno essere sviluppati molti più gruppi di cellule, che lo supporteranno e contribuiranno allo sviluppo. Le fibre muscolari non possono solo essere allungate o costrette a svilupparsi alle dimensioni e alle condizioni desiderate, quindi il processo richiede uno sforzo, un tempo e risorse materiali enormi.

Nel 2001, il dermatologo Viet Westerhov, il medico Willem van Eilen e l'uomo d'affari Willem van Cooten hanno depositato un brevetto per la produzione di carne in provetta. La loro tecnologia prevedeva la creazione di una matrice biologica in cui le fibre muscolari stesse introducono il collagene. Quindi le cellule verranno versate con una soluzione nutritiva e letteralmente costrette a moltiplicarsi. A seguito di un gruppo di scienziati, anche l'americano John Wayne ha ricevuto un brevetto. Ha anche sviluppato tessuto muscolare e adiposo su base integrata. In due casi, è stato possibile creare prodotti alimentari identici a pollo, manzo e pesce.

C'è un malinteso sul fatto che i metodi di ingegneria genetica siano utilizzati per la produzione di carne. In effetti, le cellule naturali da cui si forma il taglio crescono esattamente quanto quelle geneticamente modificate.

Pollo sintetico

Memphis Meats ha lanciato una startup unica per sviluppare carne di pollo sintetica. È stata questa azienda a coltivare per la prima volta carne di pollo in laboratorio. Gli scienziati hanno deciso di ricreare pepite di pollo non dalla coscia dell'animale, ma da una normale provetta, che hanno gestito con successo. Tecnicamente, le pepite possono essere chiamate carne, poiché sono costituite da cellule staminali di un organismo animale. Ma il processo di crescita e formazione del prodotto si è rivelato più pulito ed economico. La carne di pollo sintetica "Memphis Meats" ha pienamente soddisfatto ambientalisti, vegetariani, grandi imprese industriali e abitanti comuni.

Il capo dell'azienda, Uma Valeti, decise di rilasciare pepite chiamate "Pure Meat", che simboleggia il modo in cui sono state create. Uma afferma che le grandi aziende industriali sono seriamente interessate alla carne da laboratorio. La produzione di pollo / manzo / maiale naturali ogni anno diventa più costosa e inefficiente. Le pepite di Memphis Meats ora costano circa $ 1.000. Più velocemente la tecnologia inizierà a diffondersi in tutto il mondo, più economico sarà il costo finale del prodotto.

Problemi di ricerca

La direzione, specializzata nella coltivazione di prodotti a base di carne, si è sviluppata nel campo della biotecnologia, ovvero dell'ingegneria dei tessuti. La direzione si sta sviluppando contemporaneamente ad altri settori associati alla biotecnologia. Il principale ostacolo che gli scienziati hanno riscontrato è la riduzione del costo del prodotto finito. Ma non è tutto, l'elenco completo include:

  1. Il tasso di riproduzione delle cellule muscolari. Gli scienziati hanno imparato a lungo come separare le cellule staminali, ma per la produzione industriale di carne, devono essere condivise molto più velocemente.
  2. Cultura dell'ambiente biologico. L'ambiente in cui si svilupperanno le cellule è diverso per ogni singolo organismo. Ad esempio, i pesci e le pecore hanno bisogno di un mezzo nutritivo completamente diverso. Al fine di stabilire la produzione di massa, è necessario determinare e testare i mezzi nutritivi per tutto il bestiame.
  3. Ecologia. Il problema è ancora vago e poco compreso.
  4. Il benessere del bestiame. Il materiale biologico necessario per lo sviluppo del tessuto muscolare deve essere appreso per sintetizzare senza animali, altrimenti la carne artificiale non ha assolutamente senso. L'eccezione è una singola volta di materiale per ottenere cellule staminali.
  5. Integrità cellulare. Per ottenere un taglio di qualità dalle cellule muscolari, sono necessari ossigeno e componenti nutritivi. Nel corpo di un animale vivente, i vasi sanguigni lo fanno. Gli scienziati hanno creato una matrice speciale che riempie le cellule e ne promuove la crescita. Ma la ricerca del bioreattore più efficace è ancora in corso.
  6. Sicurezza per l'uomo. È probabile che la carne sintetica diventi un allergene aggressivo per alcuni gruppi di consumatori. Anche l'ambiente vegetale in cui si svilupperà la cellula può causare allergie.

In che modo la carne artificiale è diversa dal solito?

Gusto

È quasi impossibile distinguere una bistecca colta da una naturale. Indipendentemente dalle caratteristiche del taglio, la carne sintetica è assolutamente identica all'ordinario. Anche il suo aspetto non solleva domande. L'unica differenza non critica è la trama. La carne in provetta è più morbida e più tenera della carne naturale, ma questo è più un vantaggio che uno svantaggio.

I consumatori affermano che le caratteristiche della carne coltivata sono completamente identiche al taglio scongelato. È sottaceto e assorbe vari gusti, ma è ottimo per mangiare e creare piatti versatili.

Con la rete Whole Foods, che vende sia verdure (a base di proteine ​​vegetali) sia carne naturale, si è verificato un incidente. I lavoratori hanno confezionato accidentalmente carne di pollo artificiale pronta all'uso in imballaggi naturali. Nelle settimane in cui i consumatori hanno acquistato carne da una provetta invece della solita, la società non ha ricevuto un singolo reclamo o domande. I consumatori semplicemente non hanno notato la sostituzione, il che significa che la carne sintetica è completamente commestibile.

Qualità

Gli scienziati ammettono che la produzione di un prodotto artificiale su scala industriale porterà ad un aumento degli additivi chimici e degli ormoni artificiali. Si noti che nella produzione di tagli naturali, tali misure sono escluse. Inoltre, non esiste ancora un piano preciso per lo sviluppo della produzione industriale di carne senza l'uso di antibiotici. Gli antibiotici sono necessari per prevenire le infezioni e bloccare possibili agenti patogeni. Senza il loro uso, c'è un alto rischio di infezione attraverso il cibo.

La carne in provetta non è ancora arrivata sul mercato per due motivi:

  • tecnologia incompiuta;
  • alto costo.

L'obiettivo principale degli scienziati è quello di creare un prodotto che sia migliore e più utile di quello che è già sul mercato, quindi non è necessario affrettarsi al lancio. La prima cosa da decidere è la percentuale di grasso. In un taglio naturale, un'alta concentrazione di grassi saturi, che porta ad un aumento del colesterolo cattivo, dell'obesità, delle malattie cardiache e dei vasi sanguigni. Nella carne artificiale, il problema del grasso dovrebbe essere risolto o ridotto al minimo. Gli scienziati stanno prendendo in considerazione l'idea di introdurre artificialmente gli omega-3 durante la coltivazione. Questa idea è simile al fatto che gli animali vengono nutriti con speciali integratori alimentari a base di vitamine, nutrienti utili e acidi grassi prima della macellazione.

Ecologia

La compatibilità ambientale della carne artificiale ha causato un'ondata di discussioni. Ad esempio, la giornalista Brendan Corner e una serie di titolari di brevetti per prodotti sintetici sono fiduciosi di proteggere l'ambiente. La produzione di carne sintetica richiede meno risorse, emissioni minime di gas serra e praticamente nessuno spreco.

L'Unione degli scienziati interessati ha un'opinione al riguardo. Margaret Mellon, uno dei rappresentanti del sindacato, ritiene che la produzione industriale di tagli di carne artificiale richiederà molta più energia e carburante rispetto alle tecnologie tradizionali. Crede che il nuovo metodo sarà distruttivo e porterà a un collasso residuo dell'equilibrio ecologico.

È impossibile determinare esattamente da che parte sta la verità. Nel 2011 è stato condotto uno studio in base al quale la produzione di carne sintetica richiede:

  • 7-45% di energia in meno;
  • 99% di terreno industriale in meno;
  • 82% di riserve di liquidi in meno;
  • crea il 78% in meno di emissioni di gas serra.

Ma al momento dello studio non esistevano tecnologie di produzione industriale. E la base degli esperimenti è stata posta un ipotetico processo di produzione.

Economia

Oggi, mentre la carne sintetica non viene presentata sugli scaffali dei negozi, il suo costo è elevato: circa $ 1 milione per 250 grammi di carne artificiale. Per equiparare questo valore altissimo al valore reale di mercato, sono necessari investimenti e un uso diffuso della tecnologia. Il progresso tecnologico può anche ridurre i costi. Non appena la tecnologia di crescita del tessuto muscolare viene migliorata e ottimizzata, il costo della carne diminuirà drasticamente.

Guarda il video: Superquark - Carne prodotta in laboratorio Puntata 8082018 (Dicembre 2019).

Loading...