Malattia

Trattamento dell'emicrania

Le persone con emicrania non chiameranno mai la loro condizione un normale mal di testa. Il dolore durante un attacco è così forte che provoca perdita di conoscenza e in rari casi porta a una grave violazione della circolazione sanguigna del cervello. L'emicrania non è uno spasmo normale, ma una reazione ciclica della fase dei vasi cerebrali a qualsiasi stimolo che può verificarsi negli adulti e nei bambini. La durata degli attacchi di emicrania, in contrasto con il solito mal di testa, dura da 3-4 ore a diversi giorni. Non tutti possono sopravvivere a questo test senza antidolorifici. Ma ci sono metodi con cui puoi sbarazzarti per sempre delle convulsioni?

Si ritiene che sia impossibile curare completamente l'emicrania, soprattutto se si tratta di una malattia familiare trasmessa da 1 grado di parentela. Tuttavia, tollerare il dolore è anche strettamente controindicato. Ma la domanda è: come trattare l'emicrania? Il popolare Analgin e l'aspirina sono adatti per l'anestesia o i rimedi tradizionali saranno dannosi? Come salvare una persona da un attacco di emicrania ed è possibile combattere la malattia a casa senza l'uso di pillole?

Pronto soccorso

Gli attacchi di emicrania possono essere con un'aura (classica) o senza di essa (normale). Nel primo caso, i pazienti poco prima dell'inizio dell'attacco avvertono costantemente alcuni segnali di avvertimento del corpo. Da un lato, l'aura prolunga ulteriormente il periodo di malessere, ma dall'altro ti preparerà per un attacco futuro. Un'altra cosa è l'emicrania senza aura: inizia inaspettatamente in qualsiasi momento della giornata.

A causa della breve durata della prima fase dell'emicrania, degli analgesici e degli antispasmodici, si consiglia di applicare all'inizio dell'attacco, fino a quando non si verifica un forte dolore. Un cerotto antiemicrania per alleviare il dolore o uno spray nasale speciale (Exenza, Imigran, Digidergot) aiuteranno a prevenire o alleviare l'attacco. Prima di usare le gocce, dovresti pulire il naso.

Se inizia l'emicrania oculare (oftalmica) - scotoma atriale (sfarfallio) o una forma oftalmoplegica della malattia - non è necessario nemmeno prendere il panico. I disturbi visivi passeranno da soli dopo un po '. Nel frattempo, il paziente deve sdraiarsi e calmarsi, assumere sedativi e farmaci vascolari per migliorare il flusso sanguigno. Gli anestetici del gruppo di farmaci antinfiammatori non steroidei - antispasmodici o analgesici aiuteranno a fermare il mal di testa.

Se manca il tempo iniziale dell'attacco, la somministrazione di farmaci allergici monocomponenti non sarà più efficace e sarà necessaria la somministrazione intramuscolare e in alcuni casi endovenosa di antidolorifici per fornire assistenza. In questo caso, la soluzione più comunemente usata è Baralgin o Ketorol. Il vantaggio delle iniezioni è la loro risposta rapida. Inoltre, 1 fiala di Baralgin è in grado di sostituire 5 compresse del popolare Analgin. Ketorol agisce ancora più velocemente. Di solito, al fine di ridurre significativamente il mal di testa, è sufficiente una singola iniezione del farmaco. Se non è possibile effettuare un'iniezione di salvataggio, nel mezzo di un attacco, puoi prendere un analgesico combinato più efficace che rappresenta una combinazione di un analgesico con caffeina o codeina. Se il mal di testa è accompagnato da nausea e vomito, al posto delle compresse sono adatte supposte rettali (Indometacina, Voltaren o Cefecon D e supposte antiemetiche Domperidone o Metoclopramide).

Oltre alla terapia farmacologica del primo stadio, sono raccomandati anche l'auto-massaggio della testa, un bagno caldo o una doccia, stare in una stanza buia a causa della fotofobia durante l'attacco per fermare un attacco di emicrania.

Un altro modo efficace per molti è un asciugamano bagnato fresco, che dovrebbe essere messo sotto il collo e la fronte. Molti usano una matita al mentolo, un unguento con oli essenziali o un balsamo Zvezdochka, che lubrifica la zona temporale. È anche importante regolare la modalità di sospensione: nei fine settimana e nei giorni lavorativi, dovrebbe essere la stessa. E, naturalmente, non dimenticare di escludere dalla dieta tutti gli alimenti contenenti tiramina (vino rosso, birra, formaggi stagionati, cioccolato, carne in scatola), che è un fattore scatenante per un attacco di emicrania.

Se l'attacco dura più di 3 giorni o questo è il terzo attacco in una settimana e le condizioni del paziente peggiorano, è necessaria assistenza medica. Emicranie prolungate aumentano il rischio di ictus e altri disturbi gravi. È anche meglio cercare immediatamente un aiuto professionale se si soffre di un forte dolore occipitale. Potrebbe essere una nevralgia occipitale.

Metodi di trattamento

Il giusto trattamento per l'emicrania ha determinati standard. Consiste nel fermare l'attacco e il trattamento preventivo nel periodo interictale. Può consistere in trattamento farmacologico, eliminazione di fattori scatenanti, correzione dello stato psico-emotivo, dieta e stile di vita del paziente. In questo momento, è utile rilassarsi in un sanatorio, sottoporsi a un corso di fisioterapia. Il sollievo di un attacco è l'eliminazione del dolore dalle medicine moderne.

Terapia farmacologica

La terapia farmacologica è un trattamento tradizionale per l'emicrania. I requisiti principali per il moderno
i mezzi sono efficienza, sicurezza, velocità di azione. Per gli attacchi di intensità lieve e moderata, il paracetamolo, l'acido acetilsalicilico e i suoi derivati, nonché i farmaci combinati (sedalgin, pentalgin, spasmoveralgin) possono essere efficaci. A causa della breve durata della prima fase dell'emicrania, si consiglia di applicare analgesici e antispasmodici all'inizio dell'attacco, fino a quando non si verifica un forte dolore.

Oltre agli antidolorifici universali, esistono speciali farmaci antiemicrania. Questo gruppo include farmaci con il nome collettivo di triptani. La particolarità di questi farmaci è che non solo fermano il dolore, ma agiscono direttamente sul nervo trigemino. Comprendere il principio di azione di questo farmaco aiuterà alcune conoscenze sulla natura dell'emicrania. Quindi, il mal di testa con l'emicrania non si verifica proprio così, ma a causa di sostanze specifiche secrete dalla fine del nervo trigemino. E il triptofano impedisce questo processo. Inoltre, i farmaci di questo gruppo portano i vasi dolorosi espansi del cervello a uno stato normale. A proposito, le emicranie sono state trattate con triptani per circa 30 anni e sono ancora conosciute come le migliori. L'efficacia dei farmaci è confermata in 7 casi su 10 di terapia.

Il terzo gruppo di farmaci nell '"arsenale" dei lavoratori migranti è costituito da farmaci derivati ​​da ergotamina. Questi sono analgesici speciali che fermano l'emicrania. La loro azione è quella di causare un restringimento dei vasi cerebrali, riducendo così anche l'infiammazione neurogena.

Se ricordiamo che in molti casi si verifica un attacco di emicrania su base nervosa, è giustificato l'uso di sedativi. Le persone i cui attacchi iniziano a causa della tensione nei muscoli del collo o della schiena beneficeranno di rilassanti muscolari (rilassare i muscoli scheletrici), come Midokalm, Sirdalud.

Ma non dimenticare che l'emicrania non è solo un forte mal di testa. Spesso gli attacchi sono accompagnati da nausea e vomito gravi. Per questo motivo, l'armadietto dei medicinali dovrebbe contenere anche farmaci antiemetici.

Farmaci usati per curare l'emicrania
Nome commercialeSostanza attivaGruppo farmaceutico
Aspirina, UpsarinAcido acetilsalicilicoAnalgesici monocomponenti
Paracetamolo, Panadol, Efferalgan, Tylenolacetaminofene
Analgin, BaralginMetamizolo sodico
Analgin, BaralginMetamizolo sodico
Katadolonflupirtina
No-shpa, DrotaverinDrotaverinumAntispasmodici / Vasodilatatori
eufillinteofillina
Naproxen, Nalgesin Forte, NalgesinnaproxeneFANS
Nurofen, Nurofen forte, Nurofen multisymptom, Mig 220, Mig 400, Advil, Brufenibuprofene
Voltaren, Diclofenacdiclofenac
Nise, Nimesilnimesulide
Ketorolac, Ketanovketorolac
Ketonal, Dexalginketoprofene
Ksefokam Rapid, Ksefokamlornoxicam
Citramon, Askofen, ExcedrineAcido acetilsalicilico, paracetamolo, caffeinaAnalgesici multicomponente
Panadol Extra, MigrenolParacetamolo, Caffeina
PapazolPapaverina, Dibazole
solpadeinParacetamolo, caffeina, codeina
Pentalgin NMetamizolo sodico, naprossene, caffeina, fenobarbital, codeina
Sedal M, Pentalgin ICN, Sedalgin NeoMetamizolo sodico, paracetamolo, caffeina, fenobarbital, codeina
NoviganIbuprofene, pitofenone, bromuro di fenpiverinia
MenovazinNovocaina, anestezina, mentolo
Pentalgin PlusParacetamolo, propifenazone, caffeina, fenobarbital, codeina
IbuklinParacetamolo, ibuprofene
KaffetinParacetamolo, Propifenazone, Caffeina, Codeina
tempalginMetamizolo sodico triacetonamina 4 toluensolfonato
Spazmalgon, Preso, SpazganMetamizolo sodico, fenpiverinia pitofenone bromuro
andipalMetamizolo sodico, dibazolo, fenobarbital, papaverina
ZaldiarParacetamolo, Tramadolo
Sumatriptan, Sumumigrain, Imigran, Amigrenin, Rapimedsumatriptantriptani
Zomigzolmitriptan
Naramignaratriptan
Relpakseletriptan
diidroergotaminaDerivati ​​dell'ergotamina
NomigrenPropifenazone, caffeina, cloruro di camilofina, citrato di mecloxamina, ergotamina tartrato
SinkaptonCaffeina, Dimenidrinato, Ergotamina Tartrato
KofetaminCaffeina, Tartrato di Ergotamina
Topamax, Topiramattopiramatoantiepilettico
Carbamazepina, Tegretol, Finlepsincarbamazepina
Depakin ChronoAcido valproico
Gabapentin, Tebantin, Neurontingabapentin
Cavinton, Vinpocetinevinpocetinenootropnye
CortexinCortexin
Nootropil, Piracetampiracetam
PantogamumGopantenat
meksidolmeksidol
PhenibutPhenibut
CereCere
cinnarizinacinnarizina
gammalonAcido amminobutirrico gamma
fenotropilfenotropil
mildronatmeldonium
Propranololo, Obzidan, AnaprilinpropranololoBeta-bloccanti
Metoprolol, Egilocmetoprololo
carvediloloCarvedilolo, alfa e beta-bloccante
verapamilverapamilCalcio-antagonisti
Nimotop, Nimodipinenimodipina
VazobralDiidroergocriptina, caffeinaPer migliorare la circolazione cerebrale
FezamPiracetam, Cinnarizine
cytoflavinAcido succinico, nicotiname, inosina, riboflavina
carillondipiridamolo
motiliumdomperidoneantiemetico
Metocopramide, Cerucal, Raglanmetoclopramide
Magnesio diasporale, magnesioCitrato di magnesioVitamine e minerali
magnesiaSolfato di magnesio
Magnelis B6Magnesio, vitamina B6
NeyromultivitVitamine del gruppo B.
Acido folicoVitamina B9
phenazepamBromo diidroclorobenzodiazepina
Afobazolfabomotizole
BellataminalumFenobarbital, Ergotamine
glicinaglicina
Venlafaxine, Efevelon, Velafax, Venlaxinevenlafaxinaantidepressivi
Rexetina, Paxil, TsipramilProksetin
amitriptilinaamitriptilina
BrintelliksVormioxetine Hydrobromide

I farmaci elencati nella tabella sono farmaci che si sono dimostrati efficaci contro l'emicrania. Ma sarebbe un grande errore credere che tutto quanto sopra dovrebbe essere contenuto nel kit di pronto soccorso di un malato di emicrania. Diciamo di più: alcuni di questi articoli possono essere presi solo come indicato da un medico e solo in caso di attacchi molto gravi. Inoltre, non ricorrere immediatamente all'uso dei più potenti antidolorifici. I farmaci semplici monocomponente in molti casi alleviano bene il dolore, ma per questo è importante prenderli in tempo e nel giusto dosaggio.

Analgesici. Prendi almeno l'aspirina. L'acido acetilsalicilico (1-3 g al giorno, specialmente in combinazione con caffeina) ha un analogo effetto analgesico dei triptani più costosi. Tuttavia, a causa del pronunciato effetto aggressivo sulla mucosa gastrointestinale, l'aspirina è controindicata in coloro che hanno una storia di gastrite, duodenite o ulcera peptica. È anche importante capire che l'aspirina, destinata ai pazienti cardiaci (Aspirin Cardio, Thrombo ass), non è adatta per alleviare il dolore di emicrania, poiché contiene una dose molto piccola del principio attivo.

Analgin, Ibuprofen, Diclofenac non sono desiderabili per un uso frequente. Il più pericoloso - a stomaco vuoto o in un dosaggio molto elevato, anche a causa dell'effetto negativo sulla mucosa gastrointestinale e dell'effetto tossico sui reni con uso prolungato. Diclofenac e Paracetamol sono ben inferiori all'aspirina, ma aiutano alcune persone con lievi mal di testa. In alternativa, puoi assumere 20 mg di Ketorolac o 600-800 mg di Ibuprofene, ma dovresti anche ricordare che un gran numero di non steroidi interrompe il funzionamento dei reni e del fegato. Ma il paracetamolo non è adatto per eliminare un forte mal di testa.

Antidolorifici combinati (Pentalgin, Citramon), anche se eliminano gli attacchi di dolore. Alcuni contengono codeina e fenobarbital, che possono causare dipendenza da questi componenti. Tali droghe possono essere bevute non più di due volte al mese. Lo stesso vale per i preparati contenenti caffeina.

I farmaci contenenti ergotamina, sebbene considerati efficaci per il sollievo di un attacco di emicrania, sono controindicati per le persone con malattie renali, epatiche, cardiache e dei vasi sanguigni, nonché per adolescenti, donne in gravidanza, con ipertensione e tireotossicosi.

Le miscele medicinali costituite dai seguenti farmaci fermano efficacemente il dolore: Indometacina, Analgin, Amidrpirin, Reopyrin e Voltaren. Molti si sentono sollevati prendendo Sedalgin o Pentalgin all'inizio dell'attacco.

Indipendentemente dal tipo di analgesici che un pittore di emicrania sceglie, l'abuso di uno di essi prima o poi diventa avvincente, o meglio, diventa una causa di dipendenza psicologica dalle pillole e dal cosiddetto abusale o mal di testa analgesico-dipendente. Ciò significa che il corpo si abitua a una certa concentrazione di sostanza anestetica nel sangue e non appena gli indicatori diminuiscono, il dolore ritorna, anche se non vi è alcuna ragione fisiologica per questo. Gli esperti dell'OMS ritengono che ogni cinquantesimo abitante del pianeta soffra di maltrattamenti. Inoltre, ci sono quasi 5 volte più donne in questa lista rispetto agli uomini. Ma la cosa più pericolosa è che tale dipendenza finisce quasi sempre con un avvelenamento da farmaco acuto, spesso manifestato da danno renale acuto o ulcera peptica acuta. Per evitare ciò, le regole dovrebbero essere seguite: gli analgesici monocomponenti possono essere bevuti fino a 15 giorni al mese, e combinati e farmaci dal gruppo di triptani - fino a 10 giorni.

Triptani. I farmaci di questo gruppo sono appositamente progettati per eliminare l'emicrania e sono efficaci in 7 casi su 10. Ma possono essere presi solo come indicato da un medico. Inoltre, sono controindicati nella malattia coronarica, nella pressione arteriosa instabile, nelle vene varicose, nella tromboflebite, dopo un ictus o un infarto del miocardio. Per fermare il dolore è importante prendere una pillola all'inizio dell'attacco, ma in nessun caso allo stadio dell'aura (la pillola prolungherà solo questo periodo doloroso). I triptani non sono usati per l'emicrania basilare ed emiplegica e i farmaci di questo gruppo sono proibiti per i bambini, le donne in gravidanza e durante l'allattamento.

Ognuno dei farmaci descritti ha i suoi pro e contro, inoltre ogni organismo è individuale. Per ogni persona che soffre di emicrania, esiste un farmaco che aiuta efficacemente a far fronte a un mal di testa.Antidolorifici efficaci possono essere chiamati solo quei farmaci che alleviano gradualmente il dolore fino a 2 ore dopo l'ingestione e alla quarta ora alleviano completamente l'attacco. Dopo un farmaco adatto al paziente, il mal di testa non deve tornare il giorno successivo e il medicinale stesso dovrebbe essere efficace durante ogni attacco.

Derivati ​​dell'ergotamina. Questi farmaci costituiscono un altro gruppo di speciali farmaci antiemicrania, che tuttavia sono usati con grande cura nella medicina occidentale. Il fatto è che questi farmaci possono restringere fortemente e bruscamente i vasi sanguigni e, in grandi dosi, possono persino essere potenzialmente letali. Nella maggior parte dei casi, i derivati ​​dell'ergotamina vengono utilizzati quando un attacco grave viene rapidamente interrotto e non sono mai prescritti per un uso regolare. Questi farmaci sono controindicati per le persone con malattie concomitanti del sistema cardiovascolare, del glaucoma, dopo un infarto o un ictus, durante la gravidanza e l'allattamento. È inoltre severamente vietato assumere contemporaneamente derivati ​​vasocostrittivi di ergotamina e triptani.

Altri gruppi di droghe. Una corretta terapia anti-emicrania non dovrebbe limitarsi all'assunzione di farmaci che alleviano il dolore. Se gli attacchi sono forti e spesso ripetuti, il programma di trattamento viene potenziato con farmaci di altri gruppi. Ad esempio, i farmaci antiepilettici riducono l'attività cerebrale e quindi la sua risposta ai fattori scatenanti che portano a un attacco. Il vantaggio degli antidepressivi per i migranti è la capacità di aumentare il livello dell'ormone serotonina, la cui mancanza è chiamata una delle cause dell'emicrania.

In particolare, Alexander Amelin, professore presso il Dipartimento di Neurologia dell'Università statale medica di San Pietroburgo, confida nei benefici degli antidepressivi per i migranti emicranici, per i quali l'eziologia e il trattamento complesso dell'emicrania sono la principale occupazione degli ultimi 20 anni. La possibilità di pressione sanguigna e polso può anche provocare un attacco di emicrania. Ai fini preventivi del trattamento dell'emicrania, oltre a mantenere un livello adeguato di pressione sanguigna e polso, si raccomandano farmaci del gruppo beta-bloccante. Durante l'emicrania, prevengono lo sviluppo di spasmi dei vasi sanguigni contenenti recettori beta-adrenergici, che prevengono l'insorgenza di dolore. I bloccanti del canale del calcio per le persone con attacchi di mal di testa sono anche necessari con uno scopo preventivo. Impediscono la penetrazione degli ioni calcio attraverso le membrane delle cellule muscolari dei vasi sanguigni, modificando così la contrazione e lo spasmo muscolare. Inoltre, a questi pazienti vengono generalmente attribuite pillole per migliorare la circolazione sanguigna nel cervello (ad esempio Divazu), preparati di magnesio che riducono l'eccitabilità dei neuroni e integratori alimentari contenenti olio di pesce e vitamine del gruppo B, la cui carenza è uno dei fattori scatenanti dell'emicrania.

Se è necessario smettere di vomitare, di solito usano Seduxen, Pipolfen in combinazione con Suprastin o Difenidramina. I farmaci vengono somministrati per iniezione. Con lieve nausea, i farmaci a base di metoclopramide aiutano.

Uno degli ultimi farmaci da aggiungere all'elenco dell'emicrania è Fremanezumab, che si basa su anticorpi monoclonali che possono prevenire il dolore a grappolo e gli attacchi di emicrania. E i ricercatori del Colorado credono che la marijuana aiuterà a superare le emicranie. Gli scienziati hanno persino condotto un esperimento di 4 anni con la partecipazione di 121 volontari. L'effetto di questo trattamento è stato positivo, ma è stato acquisito un effetto collaterale persistente: la tossicodipendenza.

La maggior parte delle emicranie può essere curata a casa, ma solo dopo aver consultato un medico. L'eccezione è lo stato di emicrania, accompagnato da vomito grave ed edema cerebrale. Il trattamento di questo disturbo viene effettuato solo in ambito ospedaliero e in molti casi saranno necessarie cure di emergenza nell'unità di terapia intensiva.

Esempi di assunzione di droghe

Per alleviare il dolore all'inizio di un attacco:

  1. Antispastici: No-Shpa, Papaverina cloridrato, Spasmoveralgin.
  2. "Triade" di iniezione: Analgin, Papaverina, Difenidramina.
  3. Serotonergico (Relpax).

Per alleviare la condizione nel mezzo di un attacco:

  1. Ergot: Rigetamine, Ergotamine hydrotartrate, Diidroergotamine.
  2. Caffeina con ergotamina (Kofergot, Cofetamina).
  3. Analgesici (Efferalgan, Indometacina, Naprossene, Piprofene, Acido acetilsalicilico, Diclofenac sodico).
  4. Beta-bloccanti (Propranololo, Vasocardina).
  5. Triptani.
  6. Antistaminici.
  7. Sedativi.
  8. Antiemetico.

In alcuni casi, nomina:

  • fenobarbital;
  • fenitoina;
  • esamidina;
  • Acido valproico;
  • IL;
  • ormonale;
  • la disidratazione;
  • antipsicotici (Triftazin, Trisedil, Haloperidol).

La terapia preventiva prevede l'uso di tali farmaci:

  • beta-bloccanti (Anaprilin, Vazokardin);
  • antagonisti della serotonina (Sandomigran, Deseryl, Lisenil, Metisergid, Cyproheptadine);
  • bloccanti dei canali del calcio (Flunarizin, Verapamil, Nifedipine, Nimodipine);
  • anticonvulsivanti (antelepsina, finlepsina, difenina);
  • benzodiazepine (Tezapam, Relanium);
  • antidepressivi (amitriptilina);
  • farmaci a base vegetale: Sealex, Hedrix (a volte erroneamente chiamato Hendrix).

Per la prevenzione, a volte viene anche prescritto:

  • farmaci ergot;
  • Nitsegrolin;
  • pikamilon;
  • Stugeron;
  • Diacarb (un diuretico che influenza la liquorodinamica);
  • agonisti alfa-2-adrenergici (emitone, catapresano, clonidina).

Inoltre, nel periodo tra gli attacchi, la fisioterapia è utile:

  • elettroforesi (usando solfato di sodio, soluzione di novocaina, vitamina B);
  • collare galvanico (con una soluzione di cloruro di calcio);
  • Distretto federale degli Urali;
  • Terapia fisica;
  • bagni sitz;
  • diademoterapia (l'apparato Diadem, sviluppato da specialisti israeliani, agisce sulla zona paravertebrale, sulla catena simpatica cervicale anteriore, prevenendo il dolore);
  • terapia laser;
  • magnetoterapia (utilizzando il dispositivo Almag-01);
  • agopuntura;
  • darsonvalization (applicazione del massaggiatore pulsato "Darsonval);
  • kinezioteypirovanie;
  • balneoterapia.

Per il trattamento a lungo termine, applicare:

  • Blocker adrenergico di 3 generazioni con effetto vasocostrittore Nebivolol (Nebilet) e Aspirina (assunti quotidianamente);
  • droga Eltacin, che contiene glicina, acido glutammico e cistina utile per il cervello (presa in corso);
  • nootropi, Actovegin con cerebrolysin, mexidol, fenotropil, cortxin, neuroprotettori e vitamine del gruppo B (bevanda in corso).

I principi della terapia farmacologica per alcuni tipi di emicrania

mestruale:

  1. Antinfiammatorio non steroideo.
  2. Progestogeni: ossiprogesterone capronato, progesterone, deposito di primolutina, Gormofort, Dufaston (usare con cautela, perché in alcuni casi, al contrario, provoca emicrania).
  3. Per il dolore intenso: Testosterone propionato, Bromocriptina, Parlodel, Danoval.
  4. In alcuni casi: contraccettivi orali combinati come Jes, Angelica, Yarina.

basilare:

  1. Propranololo.
  2. Ergot.
  3. Antiepilettico (esamidina, difenina).

Fascio (nevralgia dell'emicrania):

  1. Inalazione di ossigeno.
  2. Ergotamina.
  3. Verapamil, carbonato di litio, metisergide (opzionale).
  4. Valproato sodico.
  5. Indometacina.

addominale:

  1. Belloid o Bellaspon.
  2. Valeriano.

Qualsiasi emicrania con aura:

  1. Validol o Corvalol.
  2. Antidolorifici.

collo:

  1. Eufillina, acido nicotinico.
  2. Blocco novocainico.

Trattamento chirurgico

Il trattamento chirurgico dell'emicrania in questa fase nello sviluppo della medicina è un nuovo fenomeno e molti lo trattano con cautela e sfiducia. Anche il numero di specialisti e pazienti che sono pronti per tali esperimenti è piccolo, ma il numero di coloro che hanno curato l'emicrania con la chirurgia è in aumento. Per la prima volta, hanno parlato di un possibile trattamento chirurgico per l'emicrania nel 2000. Tutto è iniziato dal fatto che i ricercatori americani hanno attirato l'attenzione sul fatto che in alcuni pazienti dopo le procedure durante le quali hanno usato Botox (tossina botulinica), il mal di testa scompare. Dopo ulteriori studi, gli scienziati hanno scoperto che la terapia botulinica rilassa il muscolo attraverso il quale passa il nervo trigemino ed è solo la sua irritazione a causare mal di testa. Pertanto, gli specialisti hanno avuto l'idea per il trattamento dell'emicrania per rimuovere il muscolo noto come il muscolo accigliato. Quando si contrae, si forma una piega verticale tra le sopracciglia. Dopo l'operazione, la persona perde la capacità di aggrottare le sopracciglia. Questo è forse l'unico effetto collaterale di questo trattamento. Tuttavia, il metodo secondario non tratta l'emicrania secondaria che si è manifestata sullo sfondo di altre patologie. In tutti gli altri casi, gli americani sostengono che la chirurgia è benefica: dopo l'intervento chirurgico, i pazienti assumono il 76% in meno di analgesici.

L'intervento chirurgico è preceduto da un esame approfondito del paziente, nonché da un'iniezione di prova della tossina botulinica in diversi punti della fronte. Le iniezioni con tossina botulinica sono una sorta di prova dell'operazione: se il corpo risponde adeguatamente (entro 2 mesi dall'iniezione, il muscolo accigliato diventa insensibile e smette di irritare il nervo trigemino e i sintomi dell'emicrania si riducono del 50%), solo allora verrà offerto al paziente di "andare sotto i ferri".

E più recentemente, esperti della Western Reserve University di Cayes, negli Stati Uniti, hanno fatto un'altra dichiarazione sull'efficacia del trattamento chirurgico dell'emicrania. In particolare, i ricercatori hanno studiato la storia medica di 14 emicranie. L'età media dei partecipanti a una sperimentazione clinica è di 16 anni. Ciascuno degli adolescenti ha sofferto di attacchi di emicrania e non ha risposto al trattamento farmacologico. I medici americani hanno determinato che ci sono diverse terminazioni nervose nella testa e nel viso di una persona che sono anche associate ad attacchi di emicrania. Durante l'operazione, agli adolescenti è stato somministrato anestetico esattamente in questi punti. Dopo la procedura, gli scienziati hanno osservato gli adolescenti per 3 anni e hanno scoperto che cinque di loro erano completamente emicranici. In 8 soggetti sperimentali, il numero di convulsioni è diminuito da 25 a 5 al mese. E solo in un paziente la frequenza degli attacchi non è diminuita, sebbene il dolore non sia diventato così intenso.

Medicina alternativa

Quando la medicina tradizionale non aiuta a calmare il dolore, molti pazienti iniziano a cercare la salvezza in metodi alternativi di trattamento. Questo vale anche per le emicranie.

Agopuntura

L'agopuntura è una nota agopuntura terapeutica praticata nell'antica Cina. Nel mondo moderno, ci sono due approcci alla pratica dell'agopuntura. Gli aderenti alla filosofia cinese vedono l'agopuntura come un modo per ripristinare la cosiddetta energia qi del corpo ("forza vitale"). Nel mondo occidentale, l'antica pratica cinese è considerata come un modo di influenzare il sistema nervoso, incluso il midollo spinale e il cervello.

Per il trattamento dell'emicrania, l'agopuntura viene eseguita in determinati punti della testa, del collo e in alcune parti delle gambe e delle braccia. L'essenza della procedura è, agendo sui luoghi condizionati, provocare un completo rilassamento dei muscoli. Nel frattempo, non ci sono prove scientifiche dell'efficacia dell'agopuntura per il trattamento dell'emicrania e se c'è un risultato positivo, è quasi sempre associato all'effetto placebo. Comunque sia, gli scienziati tedeschi hanno condotto uno studio su persone che soffrono di attacchi di emicrania. Ciascuno dei partecipanti all'esperimento entro 12 mesi ha subito 12 sessioni di agopuntura. Di conseguenza, nel 34% di essi, la frequenza e l'intensità del mal di testa sono diminuite e la quantità di farmaci assunti è diminuita di quasi 5 volte.

L'agopuntura appartiene alle forme sicure di terapia alternativa, ma solo nelle condizioni di sterilità e la procedura deve essere eseguita da uno specialista qualificato. L'esposizione impropria alle terminazioni nervose può causare seri problemi di salute.

Aromaterapia

Le persone con emicrania sono molto sensibili agli odori. Quindi, l'aromaterapia (a condizione che la composizione sia selezionata correttamente) può alleviare le convulsioni.

Un gruppo di ricercatori tedeschi guidati dal Dr. Hartmut Goebel ha studiato gli effetti di diversi odori sulla percezione del dolore. Gli scienziati hanno concluso che la menta piperita è uno dei migliori antidolorifici. Questo odore, sebbene non elimini completamente il mal di testa durante l'emicrania, può parzialmente alleviare le condizioni del paziente. Ciò è dovuto alla capacità del mentolo di causare rilassamento muscolare. Per fare questo, basta applicare 1-2 gocce di olio al whisky.

Il secondo più popolare tra i pazienti è l'olio di rosmarino. Ha proprietà analgesiche e antinfiammatorie. Nella medicina alternativa, è noto come rimedio per stress, insonnia, tensione nervosa. È usato per migliorare la circolazione sanguigna e alleviare il dolore moderato. Per alleviare un attacco di emicrania, l'olio essenziale di rosmarino può essere miscelato con una base di olio e strofinare il whisky con movimenti di massaggio. È anche utile aggiungere alcune gocce di aroma di rosmarino in un bagno caldo. Allevia anche il dolore.

Inalare l'odore di lavanda allevia anche il mal di testa molto grave. I partecipanti a un esperimento negli Stati Uniti hanno confermato che circa 15 minuti dopo l'inalazione dell'aroma, i dolori di emicrania diminuiscono. Per la terapia, puoi usare una lampada aromatica o aggiungere olio a un bagno caldo.

Un'altra pianta utile per i migranti emicranici è la camomilla. Il suo olio essenziale rilassa i muscoli di tutto il corpo, cura l'insonnia ed elimina l'ansia. Quando le emicranie sono utili, l'inalazione con una piccola quantità di sostanza essenziale. È severamente vietato alle donne in gravidanza essere coinvolte nell'aromaterapia con l'odore della camomilla, poiché ciò può causare un aborto spontaneo.

L'eucalipto è noto a molti come una cura naturale per le malattie ORL. Ma l'odore di questa pianta ha anche la capacità di alleviare il mal di testa. L'olio essenziale di eucalipto può essere utilizzato nelle lampade per aromi o immerso in 1-2 gocce di un batuffolo di cotone e posto in un seno pulito per diversi minuti.

Altri oli utili per l'emicrania: anice, valeriana, origano, zenzero, chiodi di garofano, cardamomo, cannella, iperico, limone, luppolo, timo, melissa, levistico, geranio, ylang-ylang. Possono essere usati separatamente o in combinazione.

Tutti gli olii essenziali devono essere usati con cautela (specialmente per le donne in gravidanza, le madri che allattano, i bambini, gli asmatici e le persone con malattie cardiache), poiché molti di loro sono allergeni forti. Non applicare il liquido aromatico nella sua forma pura sulla pelle (irto di irritazione), sono sufficienti 1-3 gocce di olio per la lampada dell'aroma.

Ma l'aromaterapia può essere eseguita in diversi modi:

  • utilizzando un diffusore (accendere 2-3 volte al giorno per 15-20 minuti);
  • usando lampade aromatiche (lo stesso schema);
  • sotto forma di un bagno (aggiungere non più di 8 gocce all'acqua);
  • durante il massaggio (per il corpo: mescolare 1 cucchiaio. l. olio base e 12 gocce di olio essenziale, per il collo e il viso: per 1 cucchiaio. l. base - 6 gocce);
  • sotto forma di inalazione (aggiungere 2-5 gocce in un contenitore con acqua calda, respirare per 5 minuti);
  • fai delle compresse (aggiungi 1-2 gocce all'acqua calda, immergi un asciugamano con del liquido e mettilo sul collo o sulla fronte, mantieni per un massimo di 2 ore).

Trattamento delle acque minerali

Uno dei fattori scatenanti dell'emicrania è la disidratazione. Per quanto riguarda l'acqua minerale, non solo ripristina l'equilibrio idrico nei tessuti, ma funge anche da fonte di minerali necessari.

Quando si tratta di emicrania, la disidratazione è più che un grave problema. Il motivo è che la mancanza di umidità nei tessuti aumenta lo stress ossidativo e, a sua volta, provoca attacchi di emicrania. Quando il corpo manca di umidità, invia segnali sotto forma di sete. E questa sensazione stimola la produzione di istamina, che è un fattore scatenante per l'emicrania. Inoltre, la disidratazione porta alla produzione di glutammato.Migliora anche i processi infiammatori, anche nei vasi del cervello, che si manifesta poi con dolori di emicrania.

L'assunzione giornaliera di 2 litri di acqua per le persone con emicrania dovrebbe essere la regola d'oro. Ma non è tutto. Gli scienziati hanno dimostrato che solo l'acqua minerale può essere più utile della normale acqua pura (filtrata) per i lavoratori dell'emicrania. Si è scoperto che alcuni degli elementi chimici contenuti in tale bevanda sono in grado di prevenire attacchi di emicrania. I più utili per i pazienti sono calcio, sodio, cloruro, potassio e magnesio. A proposito, il magnesio è in grado di ridurre la frequenza delle emicranie del 42 percento (secondo i ricercatori), ed è questa sostanza che si trova in grandi quantità negli organismi di emicrania. Nel 2005, i ricercatori hanno condotto un esperimento che ha coinvolto 18 pazienti con emicrania. Entro 12 settimane, ciascuno di essi ha bevuto 1,5 litri di acqua minerale durante il giorno. Di conseguenza, si è scoperto che quasi tutta la durata totale del mal di testa in 14 giorni è diminuita in media di 21 ore. Ma per l'uso attivo dell'acqua minerale, ci sono anche controindicazioni, ad esempio, per le persone che sono inclini alla formazione di calcoli e ad altri disturbi metabolici metabolici.

Hirudotherapy

Negli anni '80, uno dei tipi più popolari di medicina alternativa era il trattamento con le sanguisughe (il nome scientifico è irudoterapia). L'hirudoterapia è ancora ampiamente utilizzata in varie malattie e condizioni del corpo. In Malesia e in altri paesi del sud-est asiatico, questo metodo ha una tradizione più lunga. Ci sono sanguisughe a pagamento e i pazienti con una varietà di malattie ricorrono all'aiuto dei vermi. Tuttavia, ci sono sempre state persone scettiche nei confronti di tale trattamento. Nel frattempo, gli esperti dell'Università di Duisburg-Essen in Germania sostengono che l'efficacia di una singola sessione di irudoterapia è paragonabile a prendere una dose moderata di Ibuprofene. Si ritiene che l'efficacia di questo metodo risieda nelle sostanze speciali contenute nella saliva di questi anellidi: irudina e anestetici naturali. Una volta nel sangue, lo diluiscono e prevengono anche i processi infiammatori nel corpo, creano un effetto analgesico. L'hirudoterapia è utilizzata per il trattamento non convenzionale di emicrania, vene varicose, malattie del sistema nervoso periferico causate da ictus, con malattie trigeminali e polineuropatia.

Per i lavoratori dell'emicrania, una sessione della durata di circa 40 minuti è considerata ottimale. In questo momento, le sanguisughe vengono posizionate nell'area temporale del paziente. Per cominciare, le sessioni dovrebbero essere tenute per 2 settimane (2 volte a settimana). La terapia può essere ripetuta dopo 3 mesi e, se necessario, di nuovo dopo sei mesi.

Attenzione: solo le sanguisughe sterili coltivate in condizioni di laboratorio sono adatte per le sessioni e una persona competente dovrebbe eseguire la procedura. Un effetto collaterale dell'irudoterapia è che piccole ferite sanguinanti temporaneamente rimangono nei punti in cui sono attaccati i vermi.

Omeopatia

Le medicine omeopatiche sono sostanze non medicinali su base naturale e il principio attivo in esse contenuto è contenuto in microdosi. La particolarità del trattamento con l'omeopatia si riduce sempre all'eliminazione delle cause che hanno causato la malattia e non solo all'effetto analgesico. Il vantaggio della terapia omeopatica: è innocuo e non ha effetti collaterali, quindi è adatto anche per il trattamento di un bambino o un adolescente. Meno trattamento: un effetto positivo, se presente, quindi non prima di alcuni mesi dopo l'inizio del corso. Qualsiasi medicina omeopatica inizia a funzionare solo dopo che una quantità sufficiente di sostanza attiva si è accumulata nel corpo.

I sostenitori dell'omeopatia sostengono che questo metodo di trattamento è adatto a qualsiasi tipo di emicrania, ma il complesso di farmaci in ogni caso è selezionato individualmente. Molto spesso si tratta di belladonna (Belladonna), glonoinum (Glonoinum), iris colorato (Iris Versicolor), broomrape (Epiphaegus), chilibuha (Nux Vomica).

Belladonna è considerato il modo migliore per alleviare il mal di testa pulsante, l'irritazione da luce e rumore.

Glonoin dà buoni risultati. Non solo allevia l'attacco, ma migliora anche il sonno. È più adatto per eliminare gli attacchi che comportano intolleranza alla luce solare. Natrum Carbonicum ha un effetto simile.

Spigelia (Spigelia) è noto come il miglior rimedio omeopatico per l'emicrania del lato sinistro e sanguinaria (Sanguinaria Canadensis) - per il lato destro.

L'iride è considerata una buona cura per l'emicrania, accompagnata da nausea, vomito e alta acidità. Il chilibukha ha un effetto simile. I preparati basati su questa pianta sono utili quando compaiono dispersione, flatulenza e costipazione durante un attacco. Inoltre, il chilibuha dovrebbe prestare attenzione a quelle persone i cui attacchi iniziano con caffè, alcool o cibi piccanti.

Natrium Muriaticum nell'omeopatia è usato per alleviare gli attacchi mestruali e la seppia è usata per curare l'emicrania durante la menopausa.

Kali Phosphoricum è usato per prevenire convulsioni causate da stress, ansia, stress emotivo e mentale.

Epiphegus (Epiphegus) aiuta nei casi in cui un'emicrania è il risultato di esaurimento mentale o fisico, è adatta per l'emicrania singola e doppia.

Il ciclamino (Cyclamen europaeum) è utile per il trattamento dell'emicrania con aura accompagnata da compromissione della vista.

Massaggi ed esercizi

La terapia manuale come trattamento è stata utilizzata in molte culture antiche, tra cui Egitto, Cina, India, Giappone e nei paesi arabi. Oggi non è meno popolare. Il massaggio come trattamento allevia i crampi muscolari, migliora la circolazione sanguigna, aiuta a rilassare e aiuta anche ad alleviare il dolore durante l'emicrania. Uno dei primi a livello scientifico, questo è stato dimostrato da specialisti dell'Università di Miami. I ricercatori hanno scoperto che se si massaggiano le braccia e le gambe, la produzione di serotonina migliora, la cui mancanza viene definita uno dei fattori scatenanti delle convulsioni. Inoltre, una sessione di terapia manuale può ridurre il livello dell'ormone dello stress (cortisolo), aumentare la produzione di endorfine e avere anche un effetto benefico sul sistema nervoso parasimpatico. Un leggero massaggio al collo e alla cintura superiore della spalla porta al rilassamento dei muscoli occipitali, la cui contrazione provoca dolore alla schiena e agli occhi. Inoltre, la procedura migliora la circolazione sanguigna e, quindi, migliora l'ossigenazione del cervello, che può anche ridurre il dolore.

Con l'emicrania vengono utilizzati diversi tipi di massaggio:

  • profondo (una pressione abbastanza forte sui tessuti molli con le dita, provoca rilassamento);
  • terapia craniosacrale (massaggio alla testa, influenza le terminazioni nervose, allevia il dolore);
  • riflessologia (stimolazione delle terminazioni nervose sui piedi, pacifica il mal di testa);
  • neuromuscolare (rilassa i muscoli, colpisce i principali plessi nervosi).

Questo tipo di terapia è controindicato in gravi patologie cardiache, dopo recenti interventi, con flebite, trombosi e malattie della pelle. Se il massaggio viene eseguito in modo non professionale, può causare emorragie interne, danni ai nervi o paralisi temporanea.

Inoltre, esercizi di respirazione ed esercizi leggeri sono utili per chi soffre di emicrania. Per quanto riguarda lo sport, ovviamente, durante un attacco allo sforzo fisico, non ci possono essere dubbi. Ma durante il periodo di remissione, sono molto utili. In particolare, molti parlano in modo lusinghiero di fare yoga, che aiuta a calmare e migliorare la circolazione sanguigna (incluso nel cervello), per rimuovere lo spasmo muscolare. È anche utile fare esercizi di respirazione per facilitare un attacco di emicrania. Puoi ricorrere a questa tecnica all'inizio di un attacco ed è anche utile eseguire regolarmente esercizi di respirazione durante le remissioni.

Trattamento con rimedi popolari

I rimedi popolari non sono usati per trattare l'intensità frequente, prolungata e grave delle convulsioni. Se viene stabilita la diagnosi e gli attacchi di emicrania non sono in pericolo di vita, puoi provare a ridurre la frequenza e l'intensità del mal di testa usando i rimedi popolari, oltre alla principale terapia farmacologica.

In tempi diversi, gli uomini di medicina popolare usavano rimedi erboristici per alleviare un mal di testa pulsante. Uno dei mezzi più popolari è l'infuso di trifoglio di prato (1 cucchiaio. L. Per 1 tazza di acqua bollente), che dovrebbe essere bevuto mezzo bicchiere tre volte al giorno. La stessa infusione può essere preparata da fiori secchi di sambuco siberiano. Il brodo finito viene preso in un quarto di tazza (puoi farlo con miele) tre volte al giorno 15 minuti prima del pasto. I guaritori caucasici, al fine di prevenire gli attacchi, consigliano di sostituire il normale tè nero con un decotto di corniolo nella dieta quotidiana. Inoltre, una bevanda antiemicrania può essere preparata da menta piperita, origano e fireweed a foglie strette (1 cucchiaio di miscela per 300 ml di acqua bollente). Il tè infuso dovrebbe essere bevuto non appena inizia l'attacco.

Ci sono molte erbe con proprietà anti-emicrania. Molto spesso, vengono menzionate ricette curative come origano, iperico, viburno (succo fresco di bacche), ribes nero, melissa, valeriana, camomilla, giglio bianco, levistico, assenzio, eucalipto, alloro, tiglio, primula, aneto (semi) erba di farfaraccio.

Un altro modo per affrontare l'emicrania è il succo di patata crudo fresco (bere 50 ml ad ogni attacco) e un po 'di aiuto con una tazza di caffè forte. Se l'emicrania cronica soffre, si consiglia ai guaritori popolari di tagliare un uovo crudo in un bicchiere e versarlo con latte bollente. Un cocktail del genere dovrebbe essere bevuto per diversi giorni. Gli appassionati di ricette più semplici possono provare a bere un bicchiere di siero ogni giorno a stomaco vuoto. Ai primi sintomi di un attacco, puoi bere un cucchiaio di olio di cumino nero e applicarlo alle tempie e alla parte posteriore della testa.

Per alleviare il dolore, la medicina tradizionale consiglia di attaccare foglie di cavolo o lillà alle tempie e legare strettamente. Un effetto simile dovrebbe dare un impacco di crauti. L'hanno messa sul sito dietro le orecchie e le hanno anche avvolto un asciugamano intorno alla testa. Una ricetta ancora più semplice è l'olio di aglio mescolato con la vodka. Con questo strumento, i guaritori consigliano di lubrificare la fronte e le tempie durante un attacco di mal di testa pulsante. Per preparare l'olio all'aglio, prendere 0,5 tazze di aglio tritato e olio d'oliva, insistere sul sole per 2 settimane, filtrare e aggiungere 1 cucchiaino. glicerolo.

Ci sono altri modi Ad esempio, alcuni consigliano di mangiare una zolletta di zucchero imbevuta di 10-15 gocce di trementina purificata due volte al giorno o di respirare una miscela di ammoniaca e alcoli di canfora.

Molti mettono impacchi usando cipolle fresche o succo di barbabietola. È anche utile salire per mani e piedi in acqua calda con senape. Alcuni emigranti sono aiutati dalla tintura di valeriana e dormono su cuscini pieni di erbe medicinali aromatiche, mentre i sostenitori della litoterapia (trattamento con pietre) sostengono che le perle di ambra aiuteranno a prevenire un attacco di mal di testa.

Quale medico dovrei contattare

Nella nostra società, le emicranie non sono sempre prese con la serietà necessaria. Nel frattempo, questo non è il caso in cui puoi dire: "Pobolit e fermati". Con questo disturbo, è esattamente l'opposto: il dolore si intensifica ad ogni ora che passa e può durare per diversi giorni e spesso cercano assistenza medica quando non hanno più la forza di sopportare. Quindi i medici di emergenza di solito danno ai pazienti iniezioni di difenidramina, Baralgin o Relanium, ma tale trattamento non promette nulla di buono, in quanto può provocare un aumento delle convulsioni. Inoltre, non auto-medicare l'emicrania, perché i farmaci selezionati in modo errato e il loro dosaggio possono essere inefficaci nella migliore delle ipotesi e, nel peggiore dei casi, portare alla rottura degli organi digestivi, dei reni, dei sistemi nervoso e cardiovascolare centrale e periferico, causare allergie o danni tossici al corpo.

Alcuni pazienti non hanno fretta di cercare assistenza medica perché non sanno quale medico tratta l'emicrania. In questo caso, il modo più semplice è andare dal terapeuta, che già reindirizzerà a uno specialista. Un neurologo affronta i problemi di emicrania, dopo un esame approfondito, può determinare il tipo e il tipo di emicrania e selezionare la terapia più appropriata. È possibile che, prima di effettuare una diagnosi finale, un neurologo possa suggerire che il paziente venga consultato con altri specialisti. Questo può essere un medico ORL, un oculista, un endocrinologo, un dentista, un allergologo. Questo viene fatto per escludere tutte le altre possibili cause di mal di testa o per determinare i fattori che causano un attacco. Infatti, per il trattamento efficace di qualsiasi malattia, è importante non solo eliminare il disagio, ma superare la causa che ha provocato la patologia. E questo è cento volte più importante quando si tratta di disturbi nel cervello. La lotta contro l'emicrania non è un compito facile. Ma se scegli il metodo giusto, allora è abbastanza reale.

L'autore dell'articolo:
Medvedeva Larisa Anatolyevna

specialità: terapeuta, nefrologo.

Durata totale del servizio: 18 anni

Luogo di lavoro: Novorossijsk, centro medico "Nefros".

Istruzione: Anni 1994-2000. Accademia medica statale di Stavropol.

Ulteriore formazione:

  1. 2014 - Corsi di formazione continua a tempo pieno "Terapia" sulla base dell'Università medica statale di Kuban.
  2. 2014 - Corsi di formazione continua a tempo pieno "Nefrologia" sulla base della GBOUVPO "Stavropol State Medical University".
Altri articoli dell'autore

Loading...