Ricerca medica e diagnostica

Esame ecografico (ultrasuoni) della cistifellea con la definizione di funzione

L'ecografia della cistifellea con la definizione della sua funzione è finalizzata a una valutazione dettagliata dello stato di questo organo, oltre a verificare i suoi parametri principali al fine di identificare possibili patologie.

L'essenza del metodo prevede l'uso di sicuro per le onde ultrasoniche del corpo umano. A causa della sicurezza degli impulsi inviati, l'analisi è persino prescritta alle donne durante la gravidanza e ai bambini piccoli, cosa che non si può dire della risonanza magnetica e della TC.

Quando è richiesta una procedura funzionale

A volte l'ecografia della cistifellea, con la definizione di funzione, viene prescritta immediatamente insieme all'esame di altri organi interni situati nella cavità addominale. Molto spesso, gli esperti raccomandano di passare per controllare il fegato, per eliminare i processi infiammatori gravi ed estesi.

È indispensabile venire alla reception rigorosamente a stomaco vuoto. Tale astinenza consente di controllare i processi che si verificano all'interno del corpo.

Oltre al fatto che la tecnica prevede un intervento non invasivo, che garantisce l'assenza di dolore durante la manipolazione, ha un altro vantaggio. La manipolazione è un'opzione informativa per stabilire un quadro accurato di ciò che sta accadendo all'interno della zona specificata.

Invece di determinare solo la lesione desiderata, usando le informazioni raccolte, si scopre in dettaglio la gravità della malattia, nonché la distribuzione del processo infiammatorio agli organi e ai tessuti vicini.

A causa del fatto che lo studio ha coinvolto solo innocue onde umane, i medici possono eseguire l'analisi più volte di seguito per un breve periodo di tempo. Questo scenario non influirà sulla salute.

La procedura che comporta la determinazione della funzione è spesso nominata da un gastroenterologo. Un po 'meno spesso, gli oncologi sospettano che una neoplasia controlli un corpo che ha perso la sua precedente stabilità nel funzionamento. E non è assolutamente necessario che siano maligni. Il rilevamento di tumori benigni nella fase iniziale del loro sviluppo mediante ultrasuoni è un evento frequente.

Se il medico ha ancora dubbi sul fatto che il tumore rilevato sia maligno, il paziente verrà inviato per ulteriori esami. Questa potrebbe essere una risonanza magnetica con aumento del contrasto, un test per i marcatori del cancro. Vale la pena prepararsi al fatto che il prezzo di un approccio integrato alla diagnosi sarà leggermente più alto.

I principali sintomi che indicano che la vittima dovrebbe andare allo studio della cistifellea, sono chiamati:

  • dolore dietro le costole sul lato destro;
  • gusto amaro;
  • nausea di origine sconosciuta;
  • intossicazione del corpo;
  • colore giallo della pelle e delle mucose.

Anche il fatto che l'organismo abbia smesso di far fronte alle responsabilità che gli sono state assegnate contribuisce a un'alimentazione scorretta. Particolarmente alti sono i rischi di deviazioni se la vittima consuma troppo spesso un numero di alimenti non raccomandati, come cibi fritti, piccanti, grassi, cibi affumicati con spezie.

Con la regolare violazione delle regole di un'alimentazione sana, una persona dopo alcuni mesi può affrontare le prime manifestazioni di destabilizzazione della funzionalità della cistifellea.

Le persone a cui è già stata diagnosticata una patologia gastrointestinale vengono anche inviate per la diagnosi. Si tratta di:

  • pancreatite;
  • rocce o sabbia;
  • colecistite;
  • sviluppo anormale della cistifellea.

La valutazione della contrattilità è un collegamento obbligatorio per verificare il funzionamento dell'organo interno dopo un trauma addominale. Inoltre, dovranno essere effettuati controlli regolari con trattamenti medici precedentemente prescritti.

Gli studi di controllo mostreranno l'efficacia della terapia prescritta e la necessità di un aggiustamento. La visualizzazione risultante viene talvolta utilizzata come una sorta di navigatore per il funzionamento della zona specificata.

E dopo l'intervento chirurgico, saranno necessarie diverse sessioni di monitoraggio per verificare il successo dell'intervento.

Schema di esecuzione

L'ecografia, che fornisce anche una definizione della funzione, viene eseguita in più fasi. Inizialmente, il diagnostico registrerà gli indicatori della cistifellea in uno stato di completo riposo. Quindi la persona dovrebbe fare colazione e uno studio di controllo viene effettuato dieci minuti dopo il pasto. Il secondo stadio mira a valutare la funzionalità non solo della vescica stessa, ma anche dei dotti biliari.

Accanto ad altre due fasi. Entrambi vengono eseguiti ogni venti minuti dopo la fine del precedente. Contrariamente al protocollo per l'indagine classica, qui vengono utilizzate diverse disposizioni.

Innanzitutto, il paziente viene posizionato direttamente sulla schiena e quindi si offre di girarsi su un fianco. A volte, quando è impossibile esaminare chiaramente l'area studiata, bisogna stare in piedi o addirittura inginocchiarsi.

Precauzioni di sicurezza

Perché tutto vada per il meglio, sarà necessaria una preparazione. Una settimana prima dell'esame programmato, il paziente deve rifiutare le bevande alcoliche e i prodotti problematici. L'elenco di quest'ultimo include il cibo che promuove la formazione di flatulenza. Questa categoria comprende verdure crude, frutta, bacche, ma anche legumi, pane nero e pasticceria con lievito. Inoltre non puoi bere latte crudo. Tutto ciò impedisce la compilazione di visualizzazioni dettagliate.

Pochi giorni prima della data di scadenza, gli enzimi dovrebbero essere assunti previa consultazione con lo specialista presente. Dovrebbe anche chiarire se, per il periodo di misure preparatorie, è necessario rifiutare dal programma di trattamento standard precedentemente approvato.

Alla vigilia della procedura con la definizione della funzione è prendersi cura della cena leggera e nutriente. Soprattutto, se si scopre il porridge di cereali praticamente senza zucchero. E devi mangiare non più tardi delle otto di sera. Se possibile, vai in bagno, ma non è necessario mettere un clistere.

Al mattino, prima di andare in sala diagnostica, devi bollire le uova e quindi separare i tuorli, che saranno la chiave per creare il carico ottimale per la cistifellea. Dopo il risveglio, è persino vietato bere, poiché il fluido in entrata può ridurre il volume di lavoro della bolla.

Decodifica approssimativa

Il paziente riceve un'opinione sulle sue mani, il che è abbastanza problematico per la persona media da capire. Il problema risiede nei dati crittografati che solo le persone con educazione medica comprendono.

Ma la decodifica approssimativa è soggetta a quasi tutti. Quindi, se la vittima è stata sospettata con colecistite acuta, la visualizzazione mostrerà:

  • pareti ispessite;
  • aumento delle dimensioni;
  • partizioni interne;
  • aumento del flusso sanguigno.

La dimensione media del corpo deve rientrare in un quadro rigoroso. La lunghezza di una vescica sana va da 4 a 14 centimetri e la larghezza va da 2 a 4 centimetri. Norme per larghezze di parete - 4 mm.

Non appena c'è un carico sull'organo, entro quarantacinque minuti dovrebbe essere ridotto in volume di circa il 60-70%. Solo un tale indicatore indica la stabilità della funzione del motore.

Inoltre, l'esperto adotterà i seguenti parametri: il periodo di riduzione, l'efficacia dell'escrezione biliare, il tono dello sfintere di Oddi.

Se l'organo ferito è diminuito all'inizio dell'esame e le sue pareti diventano più dense e deformate, i contorni sono sfocati, questo indica una forma cronica di colecistite. Le piccole inclusioni localizzate nel lume parleranno allo stesso modo.

Ma i medici di solito con esperienza provano sempre a giocare in modo sicuro per fare una diagnosi. Per fare ciò, inviano reparti per sostenere test ausiliari per chiarire il verdetto. Saranno inoltre annotate le informazioni dalla scheda medica, la predisposizione ereditaria, i reclami in corso. Sulla base di quanto sopra, sarà possibile riconoscere il disturbo anche nella fase iniziale del suo sviluppo.

Autore dell'articolo:
Izvozchikova Nina Vladislavovna

specialità: specialista in malattie infettive, gastroenterologo, pneumologo.

Esperienza complessiva: 35 anni.

Istruzione: 1975-1982, 1MMI, San Gig, alta qualifica, dottore in malattie infettive.

laurea scientifica: dottore della massima categoria, dottorato di ricerca.

Formazione avanzata:

  1. Malattie infettive
  2. Malattie parassitarie
  3. Condizioni di emergenza.
  4. HIV.
Altri articoli dell'autore

Guarda il video: Come funziona l'ECOGRAFIA? (Gennaio 2020).

Loading...